Rimozione di ernia inguinale per operazione: tipi di procedura, riabilitazione

Indicazione per la chirurgia per l'ernia inguinale è la presenza dell'ernia stessa. Solo un trattamento chirurgico può salvare un paziente da un disturbo. Non sperare nemmeno che "passerà da solo" - ritardare un ricorso a un chirurgo aumenterà il rischio di violazione.

L'operazione con l'ernia inguinale è una delle più elaborate in chirurgia generale, è in grado di tenere qualsiasi stagista (laureato in un'università medica che ha appena iniziato a lavorare nella specialità). Di solito i pazienti sono ben tollerati, le complicanze sono rare.

In casi tipici, l'operazione offre una completa cura per tutta la vita. È vero, una persona ha due canali inguinali e la rimozione della sporgenza da un lato dell'inguine non garantisce affatto dal suo aspetto sull'altro.

La struttura dell'ernia inguinale

Indicazioni e controindicazioni

L'indicazione per questa operazione di rimozione è la presenza dell'ernia stessa, non sono richieste altre condizioni.

Se la protrusione è ben regolata e non ha segni di infiammazione, l'intervento chirurgico viene eseguito in modo pianificato. Prima della procedura, al paziente viene data una certa formazione medica per prevenire possibili complicazioni, che richiedono diverse settimane.

Se c'è stata una violazione o c'è stata un'ostruzione intestinale, l'intervento chirurgico è effettuato su indizi urgenti: immediatamente dopo che la diagnosi è istituita.

Le controindicazioni all'operazione pianificata per la rimozione dell'ernia inguinale sono le stesse di qualsiasi altro intervento chirurgico:

  • febbre di qualsiasi origine;
  • processi infettivi acuti o esacerbazione cronica;
  • insufficienza renale, cardiaca, respiratoria o epatica marcata;
  • la gravidanza;
  • Diabete mellito scompensato;
  • età avanzata;
  • disturbi nel sistema di coagulazione del sangue;
  • periodo acuto di infarto o ictus.

Un'operazione di emergenza con protrusione all'inguine non ha controindicazioni, tuttavia, il rischio di possibili complicanze cresce di un ordine di grandezza.

anestesia

Durante l'URSS, interventi chirurgici pianificati per questa patologia sono stati eseguiti in anestesia locale nell'80% dei casi. Oggi, sempre più spesso usano anestesia generale - anestesia. Sì, e la sicurezza dell'anestesia ai nostri giorni è aumentata a volte.

Un'operazione di emergenza viene quasi sempre eseguita in anestesia generale.

Tecniche di operazione

aperto

Quando le operazioni aperte sull'ernia inguinale fanno un'incisione cutanea di dimensioni considerevoli. Dopo la dissezione strato-a-strato dei tessuti, il chirurgo seleziona ed esclude il sacco erniario. Quindi conduce la plastica della parete posteriore del canale inguinale per eliminare la causa dell'aspetto dell'ernia.

Secondo il metodo di plasty del canale inguinale, le operazioni sono divise in 2 grandi gruppi:

(se il tavolo non è completamente visibile, giralo a destra)

1. Tecniche di tensione2. Tecniche non strette

Il rinforzo della parete posteriore è prodotto dai tessuti del corpo. Ci sono molte opzioni, ma non ha senso descriverle, dal momento che è impossibile capirle senza educazione medica. Elencherò solo i nomi dei più popolari in Russia: Operazione Schoulder, Bassini, Halstead, Postempski.

La parete posteriore è rinforzata con materiali artificiali. Di regola, si tratta di una rete in polipropilene, che viene cucita ai propri tessuti del canale inguinale.

La chirurgia per le ernie complicate (con infrazione, ostruzione intestinale, infiammazione del sacco erniario, ecc.) Nella maggior parte dei casi viene eseguita in modo aperto.

Rete in polipropilene per rafforzare il canale inguinale

Metodo endoscopico

L'essenza della chirurgia endoscopica consiste nel chiudere l'ingresso del canale inguinale dall'interno con un innesto artificiale (solitamente la stessa rete di polipropilene).

Attraverso perforazioni nella parete addominale nella cavità addominale, il medico inserisce un dispositivo ottico e 2 (meno di 3 o più) manipolatori, con cui l'ernia viene corretta, e una rete sintetica viene cucita dall'interno alla parete addominale.

Vantaggi e svantaggi dei diversi metodi

Rimuovere l'ernia inguinale in qualsiasi modo ha i suoi pro e contro.

(se il tavolo non è completamente visibile, giralo a destra)

metodovantaggicarenze
Tecniche di stretching
  • Facilità di esecuzione,
  • raffinatezza della tecnologia,
  • può essere eseguito in anestesia locale,
  • il prezzo più basso (da 25 a 57 mila rubli.).
  • La più alta frequenza di recidiva,
  • un lungo periodo di recupero,
  • Sono inaccettabili per gli anziani nella maggior parte dei casi,
  • È impossibile trattare le ernie e le ernie ricorrenti di grandi dimensioni.
Tecniche non strette
  • È possibile trattare l'ernia di qualsiasi dimensione;
  • la più bassa frequenza di recidiva, soprattutto negli anziani;
  • meno periodo di riabilitazione.
  • Richiede uno speciale materiale di consumo,
  • tecnica più sofisticata,
  • a volte hai bisogno di anestesia.
Tecniche endoscopiche
  • Minimo danno operativo,
  • il più breve periodo di riabilitazione,
  • il miglior effetto cosmetico (senza cicatrici grossolane),
  • la capacità di curare contemporaneamente un'ernia da entrambe le parti.
  • Richiede attrezzature speciali e alta qualifica del chirurgo,
  • l'anestesia è necessaria,
  • il costo più alto (circa 90 mila rubli.).

Secondo le recensioni dei pazienti, la chirurgia endoscopica per l'ernia inguinale è meglio tollerata. Le ragioni sono chiare: meno sindrome del dolore nel primo periodo postoperatorio, la più breve durata del ricovero in ospedale, un breve periodo di riabilitazione.

Riabilitazione nel periodo postoperatorio

Dopo un'ernia, si forma una cicatrice densa per circa 6 mesi: per quanto tempo il periodo di riabilitazione prosegue dopo l'intervento chirurgico con ernia inguinale.

La durata del ricovero in ospedale con metodi aperti è di circa una settimana, con endoscopia - 1-2 giorni.

Immediatamente dopo l'intervento chirurgico, il paziente può rimuovere il dolore dal canale sporgente nell'area del canale inguinale, quindi gli vengono prescritti antidolorifici. In alcuni pazienti, questo periodo è di 2-3 giorni, mentre altri possono durare diverse settimane.

Il riposo a letto nel primo periodo postoperatorio non è richiesto.

Dopo aver rimosso le articolazioni, si raccomanda al paziente di non sollevare più di 5 kg e di non permettere la stitichezza.

Dopo i metodi aperti il ​​paziente può iniziare a lavorare in 1-1,5 mesi, dopo un intervento endoscopico questo periodo è di 2-3 settimane.

Il trattamento è possibile senza chirurgia?

Sì, è possibile. Consiste nell'indossare una speciale fasciatura che impedisce l'ingresso degli organi addominali nell'anello inguinale allargato. Di solito, tale terapia viene utilizzata durante la preparazione per la chirurgia, o quando un'operazione per la rimozione dell'ernia inguinale è impossibile per qualsiasi motivo (età avanzata, insufficienza cardiaca o respiratoria espressa, esaurimento).

Guarda il video: ernia inguinale trattamento chirurgico (Gennaio 2020).

Loading...